Andrea Pirlo

La Juve, Pirlo in America e i testi piatti

Sono juventino, da sempre. Adoro Pirlo, soprattutto da quando andò a giocare nella mia squadra del cuore. E scrivo, da qualche anno. Cosa c’entra il calcio con il copywriting? Molto, se ci azzardiamo a paragonare un testo scritto a una squadra di pallone, e la creatività in “formato parole” che ci viene chiesta dai nostri clienti all’assist imprevedibile di campioni quali Pirlo. Che contribuiscono a far vincere una squadra.
Sarà un caso, ma da quando il “maestro” ha salutato la Signora, e alla luce delle prime due giornate di campionato a zero punti, mi viene da paragonare l’ultima Juventus che ho visto a un testo piatto. A uno di quei contenuti, cioè, destinati a non lasciare il segno. A uno scritto che non ha neanche un briciolo di imprevedibilità, che se è stato creato per persuadere e vendere, di certo non farà nulla di tutto ciò. Pur essendo ortograficamente impeccabile, per carità, e pur dicendo tutto ciò che deve comunicare.

Mi faccio una domanda: qual è il senso del nostro lavoro, se poi qualunque persona che abbia un minimo di dimestichezza con la grammatica può scrivere un testo? La risposta è questa, e me l’ha suggerita proprio il calcio: il senso del nostro lavoro è trovare sempre il modo di rendere imprevedibile ciò che sulla carta non lo è. Lo scopo del nostro mestiere, insomma, è dare quella “zampata” vincente, fare quel passaggio non scontato e trovare sempre la soluzione creativa in “campo”. E per questo irresistibile agli occhi di chi legge, e quindi persuasivo. Ecco, secondo me, qual è il senso del nostro lavoro.

Il calcio mercato estivo si è chiuso da pochi giorni, e la Juve proverà a tornare la Juve di sempre con i giocatori che ha nella propria rosa. Senza Pirlo, cercherà a tutti i costi in altri giocatori il “copywriter” che sappia forgiare la giocata che non ti aspetti, al momento giusto. E finora nessuno ci è ancora riuscito. Ahimè!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *