Lo stato di illuminazione di un copywriter

Quello che i copywriter non dicono (ma provano)

Lo squillo del telefonino rompe il silenzio scandito dal battito delle dita sulla tastiera. Guardo il display. È il cliente X. Rispondo con il sorriso sulle labbra. È da un po’ che non lo sento: qualche battuta sul tempo, un paio di sfottò calcistici e un’amara riflessione sulla crisi economica. Poi veniamo al dunque: bisogna scrivere dieci articoli sui sistemi di copertura mobili. Che tradotto vuol dire gazebo, tendostrutture e altre strutture del genere. Ci salutiamo, appoggio il telefono sulla scrivania, vado ad accendermi una sigaretta e penso. Inizia così la sequela di emozioni e stati d’animo tipici di ogni copywriter: da quando gli viene commissionato il lavoro, fino alla consegna finale!

Continua a leggere

Testi svenduti e copywriter sul marciapiede

Giorni fa sono entrato in un noto forum dedicato al web marketing e mi ha subito colpito un annuncio che riguardava la ricerca di un articolista. Fin qui, direte, niente di strano: ogni giorno ci sono persone che cercano copywriter, e altre che si offrono per questo lavoro!

Il titolo era anche attraente, perfino ben fatto e sicuramente persuasivo (tanto da catturare la mia attenzione), e diceva più o meno questo: “Cerco un articolista per la scrittura di diversi contenuti, garantiti 300 € al mese!”. Non male, mi son detto, di questi tempi. La curiosità mi ha spinto ad andare oltre, e a leggere per intero l’annuncio. Quel briciolo di entusiasmo che provavo, anche a nome della categoria cui orgogliosamente appartengo, si è di colpo spento come una piccola fiammella sotto un temporale estivo: il futuro committente di articoli offriva sì un fisso di 300 €, ma per 30 articoli e per 30 giorni. No, non è uno scioglilingua in onore del numero 3, ma un’amara verità! Continua a leggere

"Soldati" di Giuseppe Ungaretti

Post breve

Il post di oggi è veramente breve, inizia e finisce con una poesia. Anzi, con la poesia dalla “p” maiuscola. Insuperato e insuperabile esempio di scrittura breve. Buona lettura (breve) di qualità: Continua a leggere

Alcune regole per la scrittura sul web

Le regole della buona scrittura per il web

Scrivere per il web vuol dire creare testi in grado di catturare l’attenzione del lettore e diventare amici di Google. Non esiste una formula magica a disposizione del SEO copywriter, ma delle regole da seguire. In questo post te ne propongo alcune. Continua a leggere

Il blog aziendale

Blog aziendale: ma siamo veramente pronti?

Si parla spesso di blog aziendali e delle tante possibilità che offrono: parlare un linguaggio informale, rendere l’azienda più umana e stabilire un contatto diretto con la clientela. Tutto vero! Ma le imprese sono pronte per questo cambiamento?

Sono molte le piccole e medie imprese che vogliono fare il grande passo e aprire un blog. Ma a volte le buone intenzioni s’infrangono contro il muro della resistenza al cambiamento, e delle difficoltà di mettersi veramente in gioco. Continua a leggere